Una gita a Predappio
Qualche volta, quando abbiamo voglia di tranquillità, possiamo andare a Predappio.
Essendoci preventivamente documentati sulle caratteristiche architettoniche, facciamo un giro in paese, ricordandoci sempre che è stato progettato come la città modello.

Avendo visitato la “Villa Dei Ricordi” vicino a Forlì, il centro cittadino, la casa natale e la tomba del Duce, possiamo acquistare qualche gadget come souvenir.
Soddisfatta la nostra fame di cultura possiamo dedicarci a bisogni un po’ più materiali.

Proprio davanti al Cimitero Comunale c’è il bivio per andare al Caseificio biologico “Il Sasso” per acquistare un bel formaggino.
Proseguendo in località San Savino abbiamo il podere “La Fornace” dove il vino sia sfuso che confezionato non manca mai.
Arrivati a questo punto, se non abbiamo paura di impolverare l’automobile e siamo predisposti per entrare nella “valle nascosta”, ci dirigiamo a Porcentico.

Questo tratto di 18 km, di cui 7  di strada bianca, ci porta nella valle del Bidente facendoci fare un tuffo nel passato.
La zona, poco abitata e poco frequentata, è un piccolo paradiso naturale dove si possono incontrare varie specie di animali selvatici, raccogliere piante, piantine, erbe e frutti selvatici e si sta in pace.

Disperso tra i boschi incontriamo il “Podere le Campore”, agriturismo attrezzato sia per la ristorazione che per una sosta veloce. Diamo un’occhiata ai prodotti aziendali ed acquistiamo quello che ci garba.
Dopo 5 km di discesa arriviamo nei pressi di Civitella di Romagna. Dirigendoci a valle proseguiamo in direzione Meldola, Forlì, Cesena, mentre a monte incontriamo Santa Sofia per andare  alla Diga di Ridracoli e Campigna oppure, facendo il Passo del Carnaio, ci troviamo a Bagno di Romagna nella Valle del Savio.



Via Campore, 18
PORCENTICO DI PREDAPPIO (FC)

Cell: 338 5686956 - 347 7999284
E-Mail : info@agriturismolecampore.it
Partita IVA : 02445970409